Editoriale

Il primo numero di D.A. risale al 2000: da allora abbiamo parlato tanto, di salute, di nuove tecnologie, di ambiente, di innovazioni, di esperienze esemplari nel sociale. Abbiamo presentato progetti, illustrato idee, ricerche, studi e soluzioni innovative. Abbiamo dato una vetrina a tanti ricercatori, a partire da quelli candidati alle diverse edizioni del Premio Sapio per la Ricerca e l’Innovazione. 

Abbiamo dato una vetrina a tanti ricercatori, a partire da quelli candidati alle diverse edizioni del Premio Sapio per la Ricerca e l’Innovazione. Questo impegno continua, così come continuiamo a parlare di innovazione, perché da un po’ questo è diventato il focus della rivista: innovazione è ogni novità, mutamento, trasformazione che porta a modificazioni radicali o provoca passi avanti, risultati positivi. Innovare vuol dire introdurre nuovi sistemi, nuovi ordinamenti, nuovi metodi di produzione.

Premio Sapio e D.A. vogliono continuare ad essere due strumenti per diffondere il pallino dell’innovazione, la conoscenza, la voglia di innovare, nell’industria, nella sanità, nel sociale, in tutti gli ambiti possibili.

A vantaggio dello sviluppo e della qualità della vita. In questo numero facciamo proprio questo, e continueremo a farlo.

Voi continuate a seguirci. Ci contiamo.


<< Torna indietro